Associazione

L’Associazione per i Siti Reali e le Residenze Borboniche nasce nel marzo 2005 e successivamente nel dicembre 2008 si costituisce quale soggetto ONLUS (organizzazione non lucrativa di utilità sociale) con atto di autorizzazione dell’Agenzia delle Entrate della Campania.

L’Associazione si propone quale punto di incontro e confronto per continuare a far rivivere l’identità culturale e rinarrare la memoria storica del complesso e inestimabile patrimonio culturale del circuito storico dei Siti Reali borbonici presenti a Napoli e nel Mezzogiorno d’Italia, in aree territoriali di forte valenza ambientale, paesaggistica, culturale, artistica, architettonica, archeologica, artigianale ed enogastronomica.

La mission dell’Associazione è quella di concorrere, nell’interesse pubblico e collettivo, a rafforzare le azioni di tutela, promozione e valorizzazione dei Siti Reali, delle Residenze Borboniche e delle eccellenze territoriali, attraverso la creazione di un distretto economico e culturale e la cooperazione tra istituzioni pubbliche, operatori privati e cittadini del contesto di riferimento.

A tal fine, l’Associazione ha avviato dal 2005 un’intensa attività di sensibilizzazione e animazione e realizzato una serie di progetti, eventi ed iniziative, ottenendo importanti riconoscimenti dalla Presidenza della Repubblica, Camera dei Deputati e Senato della Repubblica e raggiungendo importanti risultati – grazie anche al sostegno di cittadini e collaborazioni sviluppate con enti e organizzazioni locali e nazionali – come ad esempio:

  • il ciclo di incontri Pubblico e privato nel settore culturale: prospettive e strategie per i Siti Reali borbonici in Campania (in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”);
  • il progetto didattico Scuole in rete. Insieme per i Siti Reali (in collaborazione con la Regione Campania);
  • il progetto di valorizzazione Viaggio in Campania. Le Stagioni nei luoghi dei Borbone (in collaborazione con la Regione Campania, MiBAC e MIUR);
  • la Campagna SALVIAMO Carditello, Tesoro d’Italia, Patrimonio dell’Umanità che ha portato nel 2013 all’acquisizione della Reggia di Carditello da parte del MIBACT (in collaborazione con enti, associazioni e cittadini del territorio campano e nazionale);
  • il progetto di valorizzazione L’Europa delle Corti da Capodimonte a Portici. Napoli tra residenze e giardini reali realizzato (in collaborazione con MiBAC e ex Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”);
  • l’iniziativa Premio Siti Reali;
  • la Campagna UNESCO per l’estensione del riconoscimento alle 13 Residenze Borboniche di Napoli e del Sud Italia.

SCARICA lo statuto dell’Associazione

SOSTIENI Siti Reali